Log In

Pebble batte ogni record: 20 Milioni di dollari per la campagna di Pebble Time

Dopo la presentazione ufficiale, molte persone hanno deriso o bocciato il nuovo modello di Pebble, il Pebble Time, sia per la sua forma che per il suo display, ma Pebble ha dimostrato di aver prodotto un ottimo device, chiudendo la campagna crowdfunding con un guadagno quasi senza precedenti.

photo-original

Infatti nelle scorse ore è finita la campagna su KickStarter con cui Pebble chiedeva supporto monetario a tutti i suoi utenti per far partire la produzione di massa del nuovo smartwatch ma nessuno si sarebbe aspettato che questa fruttasse alla casa produttrice ben 20.338.986 dollari quando si chiedevano “solo” 500.000 dollari.

Il successo di questo dispositivo è stato dettato dall’ottima semplicità dei comandi, dalla funzionalità e dalla batteria quasi infinita del vecchio modello (rispetto agli altri smartwatch che consumano un intera carica manco in mezza giornata) che ora con Time sono stati affiancati dal primo display e-paper a colori, con frequenza di refresh a 30fps.

Pebble però non si è fermata solo alla versione “normale” di Time ma ha voluto subito lanciare anche la versione Steel che integra una batteria ancora maggiore, che consente una autonomia di ben 10 giorni, il cinturino in cuoio o metallo e la certificazione ISO 22810, con la quale sarà possibile l’immersione in acqua fino a 30 metri di profondità.

Quindi un periodo davvero florido per Pebble che ha saputo dimostrarsi all’altezza di tutti gli altri competitors fornendo al pubblico uno smartwatch semplice, con le funzioni basilari e veramente utili che un orologio intelligente deve saper fare (e senza tutte le altre “inutility” viste fino ad ora sui prodotti di altre marche), con una autonomia impressionante e nelle versioni Pebble Time (normale) e Pebble Time Steel (premium), in modo da soddisfare tutti i utenti.

La commercializzazione di questo device inizierà da Maggio ma potrebbe subire qualche ritardo a causa dell’enorme numero di preordini che sono stati fatti.

Tagged under
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: