Log In

Batterie più piccole e innovative per Project Ara di Google

Oggi parliamo di Project Ara, il dispositivo mobile modulare di Google che sembra fare ottimi passi in avanti nello studio e nella progettazione di tutte le sue componentistiche come ad esempio la batteria, che dovrebbe essere molto innovativa.

Infatti a quanto pare la casa americana ha contattato una nota azienda produttrice di batterie per smartphone per iniziare a studiare e produrre batterie più piccole ma con una capienza uguale alle classiche batterie agli ioni di litio.

Se non sapeste di cosa stiamo parlando, il Project Ara è un progetto molto ambizioso di Google per creare il primo smartphone modulare ovvero un device a cui tutti gli utenti potranno sostituire o cambiare di posto tutte le componentistiche interne (come la batteria, la fotocamera, i vari sensori, lo schermo il processore, la memoria interna e tanto altro) semplicemente staccandole dalla scheda principale e senza servirsi dell’aiuto di esperti o di negozi di riparazioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sicuramente uno degli aspetti più curati e di rilievo per Google è la batteria e autonomia di questo device perchè deve riuscire a portare l’utente a fine giornata con una batteria però di piccole dimensioni, in modo che non occupi troppo spazio sulla scheda principale.

Per questo BigG ha deciso di rivolgersi a SolidEnergy, una delle più famose ditte per la produzione di ottime batteria per smartphone, per provare a produrre batteria molto capienti ma con dimensioni più ridotte rispetto al solito, in modo anche da poter aumentare l’amperaggio della batteria senza ritrovarsene una gigante e pesante sul device.

7-630x309

Il progetto è molto ambizioso e per questo impiegherà molto tempo, infatti si pensa che la fase di progettazione delle batteria per Ara non finirà prima del 2016, fattore molto “fastidioso” per Google visto che il test di Project Ara inizierà  a fine 2015 a Puerto Rico.

Non ci resta che aspettare e vedere come evolveranno le cose e sopratutto quali grossi sconvolgimenti porterà questo device quando arriverà sul mercato.

 

via

Tagged under
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: