Log In

Arrivano le app “native” per Apple Watch, ma non prima di fine anno

Ancora una volta siamo quì per trattare un argomento riguardante l’attuale “oggetto del desiderio” di molti, ovvero l’Apple Watch. Molti utenti (americani e non) hanno già ricevuto il device e dopo i primi entusiasmanti giorni di utilizzo hanno iniziato ad accorgersi che pur essendo un prodotto di alta qualità, non è così perfetto come si pensava.

A quanto pare infatti uno dei vari nei di questo prodotto sarebbe proprio la mancanza di applicazioni native. Una volta che vogliamo installare un’app su Apple Watch, per farla funzionare dovremo necessariamente installarla anche su iPhone il che, come potete immaginare, comporta un inutile dispendio di memoria. Prima di scagliarvi nelle critiche però sappiate che la “compagnia della mela” ha già rassicurato che entro fine 2015 avremo le prime applicazioni progettate ad hoc per il nuovo smartwatch.

Nel momento in cui ciò accadrà, potremo avere un miglioramento nell’utilizzo dei giochi in maniera più fluida ma soprattutto nell’integrazione delle app di fitness con i vari sensori di Apple Watch. Un assaggio di ciò che avverrà a fine anno potremo averlo l’8 giugno alla WWDC, in seguito inoltre gli sviluppatori avranno l’accesso alle SDK fornite da Apple stessa per sviluppare le varie applicazioni.

Fonte

Tagged under
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: