Log In

Android M: supporto nativo ai temi

Ed eccoci anche oggi a parlare di un’altra chicca di Android M, emersa grazie alla developer preview rilasciata da Google a seguito della conferenza annuale I/O.

Grazie infatti all’installazione su terminali Nexus di questa versione di Android, emergono a poco poco tutte le novità che la stessa porta con sè, e che sembrerebbo essere molte più di quante esposte al keynote.

Quella di oggi riguarda un aspetto per lo più grafico del sistema del robottino verde: si tratta infatti del supporto nativo al Theme engine, ovvero ai temi RRO (Runtime Resource Overlay). Ecco un paio di immagini per far capire come il download di diversi layer può far cambiare il vostro smartphone grazie al supporto di questa funzionalità:

RRO1

RRO2

Facendo un piccolo passo indietro, il progetto RRO è partito da Sony, che ha iniziato a sperimentarlo sulle proprie ROM a partire da Android 4.3 Jelly Bean e, il cui sviluppo, è proseguito altresì sul famoso forum XDA da parte di sviluppatori indipendenti. In seguito, tale sistema è stato implementato in maniera definitiva nel codice open di Android a partire dalle API 21, cioè da Lollipop, nel quale quindi è presente ma non attivo (vi sono però delle custom ROM che lo hanno reso fruibile).

Allo stato attuale, nella developer preview di Android M, sono ancora necessari i permessi di root per utilizzare il Theme engine. Tuttavia dato che non si tratta dell’unica novità riguardante la grafica (l’altra è l’introduzione di sistema della dark UI), si spera Google decida di rendere disponibile anche questa miglioria per tutti gli utenti, senza quindi la necessità di compiere operazioni di modding, per poter far diventare così il nostro robottino più “nostro” grazie alla personalizzazione.

Tagged under
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: